6.12.06

LASCIAMI SOLA



LASCIAMI SOLA

Marcelle Sauvageot



Una giovane donna ricoverata in un sanatorio riceve una lettera dall'uomo che ama: poche parole lapidarie con cui lui le annuncia che sposerà un'altra e le offre in cambio la sua amicizia. A questa sentenza senza appello Marcelle Sauvageot non risponde con una lettera ma con una sorta di commento, una riflessione sotto forma di monologo nella quale si interroga, senza alcuna concessione e calandosi con coraggio nel mistero dei sentimenti più intimi, sul rapporto che lega un uomo e una donna. E in nome di quella vita che sta per abbandonarla, ma che lei vuole vivere sino in fondo senza compromessi, rivendica a gran voce un amore assoluto, che pretende un totale coinvolgimento e insieme la massima consapevolezza. Testimonianza lucida e straziante su grandi temi come l'amore, la morte, l'amicizia e la gelosia, il libro di Marcelle Sauvageot uscì per la prima volta in Francia nel 1934 e fu un inatteso, sensazionale caso letterario. Ripubblicato a più riprese, ma anche rimasto per lunghi periodi assente dalla ribalta editoriale, "Lasciami sola" interessò e commosse grandi intellettuali: Paul Valéry, Paul Claudel e Clara Malraux, fra i tanti, elogiarono l'intensità di questo grido di dolore puro e senza tempo.




L'ho letto un anno fa....una domenica, andavo da mio padre in treno. Un ora di treno. Un ora immersa tra le pagine e il passaggio che mi sfrecciava accanto.

Il libro, secondo il mio punto di vista, è diviso in 2 parti: la prima molto coinvolgente e straziante, la seconda scritta molto frettolosamente, quasi per sbrigrarsi di finire questo libro.

Il mio giudizio è positivo, non dico altro, perchè ogni libro è "una storia diversa" in base agli occhi di chi lo legge. Ognuno lo legge con la sua voce, con la sua tonalità, con i suoi ricordi ed emozioni.

Un libro, per me, è come un amico che mi racconta la sua storia. E spesso della sua vita nè faccio parte anche io.


Buona lettura, per tutti coloro che stanno leggendo un libro ("uno qualsiasi")....(ma ognuno unico)


cate

4 commenti:

gloutchov ha detto...

E' bellissimo il modo in cui descrivi i libri... :)

gloutchov ha detto...

Non ti preoccupare di monopolizzare i miei commenti. Sei sempre la benvenuta e... a me piace dialogare in questo modo, è buffo e, allo stesso tempo, i "curiosi" devono sudarsela per seguire il discorso. :)

I miei fans se ne faranno una ragione e, cmq, non credo che siano gelosi, visto che poi, molti, sono anche tuoi fans (e ti hanno pure preferito al nonna's week... eh... eh...)

Una soluzione + "privata"... ma certo che la troveremo. Ne sono convinto :)

X i miei libri, due li puoi scaricare in pidieffe dal mio bookshop... sono i vecchi raccontini che ho postato in passato sul blog. :*

gloutchov ha detto...

P.S.
Ti preoccupi per i miei fans e non pensi ai tuoi? Che cattivona chessei! :)

gloutchov ha detto...

L'indirizzo dei racconti è:
http://xoomer.alice.it/glaucosi/
Sono i primi due, Sogno di Capitano e La guerra di Linda :)

Ehm... se anche provassi a venire a rimini, rimarrei imbottigliato in tangenziale! Domani poi, meno che meno, inizia il Motor Show. Mi sa che dovrò tirare fuori il cavallo bianco dalla naftalina! :/

Essere un pochino stronzi fa bene a se stessi, sennò gli altri se ne approfittano. Però non con me, eh?
Buon Risotto (io, invece mi sono pappato due spaghi allo scoglio... certo che se il cuoco evitava di metterci pezzetti di scoglio era meglio ma, lui vuole sempre essere così preciso...) :*